Divers, Italien

Alla scoperta di Villages Natures Parigi  

janvier 5, 2018

 

Alla scoperta di Villages Natures Parigi  

 

Il 10 novembre, ED92 è stata invitata dalla società D87Paris a scoprire Villages Nature Pargi, che ha aperto le sue porte lo scorso primo settembre. Più precisamente l’obiettivo era quello di far scoprire tutte le attività proposte ai visitatori « di un giorno », che non risiedono nei diversi cottage.

 

 

 

 

Sommario :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Village Nature Parigi, frutto di una collaborazione tra Euro Disney e Pierre et Vacances – Center Parc, è un parco vacanze basato sulla scoperta ludico-educativa della Natura per sensibilizzarne al rispetto e alla salvaguardia, situato a due passi da Disneyland Parigi. Sportivi, avventurieri, contemplatori, gourmet e seguaci del « far niente » possono approfittare di una larga scelta di attività (alcune a pagamento, altre comprese nel biglietto d’ingresso) ripartite all’interno di cinque universi.

 

 

 

Per gli spostamenti all’interno del parco, diverse soluzioni sono proposte ai visitatori/vacanzieri :

 

  • la più ovvia : a piedi ;

 

  • la bicicletta, propria o a noleggio, per poter usare le diverse piste ciclabili ; 

 

 

 

 

  • gli autobus elettrici, gratuiti, che possono trasportarvi nei vari universi ;

 

 

 

 

 

La visita può iniziare :

 

 

 

 

 

 

 

 

1 – La « Promenade du Lac » (la Passeggiata sul Lago):

 

 

 

Questo è il centro di Villages Nature. Sotto i giardini pensili si trovano la maggior parte dei servizi, negozi e ristoranti :

 

 

  • Welcome House, il « City Hall » di Villages Nature Parigi;

 

 

 

 

 

 

  • il panificio “Chez Meunier, diretto da Thierry Meunier, « Meilleur Ouvrier » di Francia nella categoria « panificazione ». È possibile farci colazione :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • il ristorante fast-goodPUR, Etc , che propone una ristorazione veloce di qualità con prodotti biologici, senza OGM, di stagione (per la frutta e la verdura). Grande attenzione è riposta anche all’uso di prodotti riciclabili o biodegradabili e sulla raccolta differenziata dei rifiuti;

 

 

 

 

 

 

 

 

Torta al cioccolato fuso e succo di frutta fresca (foto di sinistra)

Salmone, fonduta di porri con salsa allo zafferano, riso basmati, vino bianco biologico di Languedoc, dessert : banana bread (foto di destra)

 

 

 

  • il ristorante – enoteca « Cépages », che privilegia i prodotti di qualità del territorio per proporre piatti tipici e creazioni della casa il tutto accompagnato dai migliori vini francesi. Un ristorante eccellente dove è possibile partecipare a dei corsi di enologia a pagamento.

 

 

 

 

 

 

  

 

Piatto di formaggi (St marcelin, St Félicien, Comté du Jura, Pierre Robert) e salumi (prosciutto di montagna, Jesus basco, Lomo di Bellota) (foto di sinistra)

Torta al limone della casa (foto di destra)

 

 

 

  • il ristorante « Vapiano », per gustare deliziosi piatti della cucina italiana :

 

 

 

 

 

 

  • i negozi « Franprix », e « Nature et Découvertes » :

 

 

 

 

 

  • il « Club bébé » (per bambini dai 4 mesi ai 4 anni) e il « Kids Club » (per bambini dai 4 ai 12 anni) ;

 

 

 

 

  • il bowling e il bar « le strike » ; 

 

  • la sala giochi .

 

 

 

2 – L’Aqualagon :

 

 

L’Aqualagon è l’emblema di Villages Nature Parigi : un parco acquatico grande un pò più di un ettaro, con una laguna all’aria aperta di 2500 metri quadrati con acqua calda a 30°C. In totale rispetto dell’ambiente : l’acqua è riscaldata grazie ad una fonte geotermica. L’Aqualagon è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 20.30.

 

 

 

 

La piscina per i bambini e quella ludica, la piscina con le onde e quella idromassaggio, diversi scivoli (tranquilli e a sensazione)… impossibile non divertirsi a tutte le età :

 

 

Per i più giovani :

 

 

 

La piscina per i bambini

 

 

 

 

La piscina ludica

 

 

 

La piattaforma acquatica

 

 

 

Per i più grandi :

 

 

 

 

La piscina con le onde ( a sinistra) e una delle tre vasche jacuzzi (a destra)

 

 

 

La piscina con le onde

 

 

Inoltre agli scivoli destinati ai bambini, l’Aqualagon dispone di altri sette scivoli per il piacere di giovani e adulti, dal più soft fino al Rocket (Torre del terrore in versione scivolo acquatico) :

 

 

 

 

Zona di arrivo dello scivolo (a sinistra)

Sezione del Rocket (in primo piano a destra)

 

 

Ultima esperienza, ma la non meno interessante : cosa c’è di meglio di un bel bagno all’esterno quando la temperatura è di 3°C ? Una fonte geotermica riscalda l’acqua della laguna a 30°C tutto l’anno e questo permette di fare un bagno sorprendente e piacevole nei mesi invernali… a patto di restare in acqua !

 

 

 

 

 

 

Altre attività acquatiche sono proposte (a pagamento) all’Aqualagon : corsi di nuoto per bambini, aqua bike, aqua cardio, aqua jump … . Le prenotazioni si effettuano a Welcome House o via l’applicazione ufficiale “Villages Nature Paris” per smartphones et tablet.

 

 

 

3 – La Fattoria “Belle Vie”

 

 

Per scoprire gli animali e le attività di una autentica fattoria, direzione la fattoria didattica “Belle Vie.

 

 

 

 

Piccoli e grandi saranno felici di vedere la maggior parte degli animali tradizionalmente presenti in una fattoria : mucche, capre, pecore, galline, conigli, maiali, ma anche cavalli e pony. Visitare la loro casa all’interno della fattoria: prato, stalla, box, conigliera, pollaio … 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono proposte anche delle attività con gli animali (gratuitamente) : è possibile, ad esempio, partecipare all’attività di cura degli animali.(vedere il programma con i giorni e gli orari di apertura). E’ anche possibile fare delle passeggiate con i pony (a pagamento).

 

 

Oltre agli animali, la Fattoria “Belle vie dispone di un orto e di una serra, dove si pò partecipare a dei corsi di giardinaggio biologico (a pagamento). Dal momento che la nostra visita si è svolta nel mese di novembre l’orto non è particolarmente rigoglioso.

 

 

 

 

 

Infine è anche possibile fare degli acquisti all’ “Épicerie Belle Vie (prodotti del panificio “Chez Meunier”, prodotti regionali, utensili da cucina, attrezzi per il giardinaggio …) e/o di ristorarsi al “Délices de la Ferme” (si dice che il brunch sia ottimo!) :

 

 

 

 

 

Durante questo tempo, i bambini possono giocare nell’area giochi « Lait’s Play », contigua al ristorante, che ha come tematica la raccolta del latte e la sua trasformazione in diversi prodotti alimentari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4 – “Les Jardins Extraordinaires” (I Giardini Straordinari):

 

L’uomo e la Natura hanno lavorato di concerto per proporre un spazio vegetale, minerale ed acquatico dove ciascuno troverà ciò che viene a cercare: un luogo di calma, di contemplazione, una passeggiata, uno spazio di scambio, di giochi, addirittura un pò tutto ciò al tempo stesso: i Giardini Straordinari.

 

 

 

Pianta dei Giardini Straordinari

 

« Les Jardins Extraordinaires » sono divisi in quattro giardini, uno per ogni elemento : l’Acqua, l’Aria, il Fuoco e la Terra. La vegetazione e la pianificazione sono legati al tema :

 

 

  • minerali e fontane / ruscelli nel Giardino dell’Acqua ;

 

  • un’eolica e una vegetazione frusciante al soffio del vento nel giardino dell’Aria ;

 

  • una vegetazione più lussureggiante con ceppi nel Giardino del Fuoco ;

 

  • una vegetazione in maggioranza commestibile (frutta e verdura) nel Giardino della Terra.

 

 

 

 

 

 

 

Giardino dell’Acqua

 

 

    

 

Giardino dell’Aria

 

 

 

 

 

 

 

Giardino del Fuoco

 

 

5 – La “Forêt des Légendes” (La Foresta delle Leggende):

 

 

La Foresta delle Leggende è stata creata per i più giovani : come per il Lait’s Play, è un’area giochi, all’aperto, con delle capanne che assomigliano a nidi d’uccello, degli scivoli, dei passaggi circolari in corda e una teleferica. Vicino si trova anche un mini golf.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 – La “Plage” ( la Spiaggia) :

 

 

Nei giorni di bel tempo, i visitatori hanno la possibilità di farsi un bagno in un laghetto (non riscaldato) sotto l’occhio vigile di un bagnino ma anche di abbronzarsi su una spiaggia di sabbia fine. Gli sportivi possono approfittare di un campo da beach-volley (accesso libero).

 

 

 

 

 

Tariffe e accesso :

 

 

Il prezzo per una giornata a Villages Nature Parigi cambiano in base al periodo :

 

 

 

 

Da notare che è possibile entrare a partire dalle 16 fino alle 23 (chiusura dell’Aqualagon alle 20.30), al prezzo di 25 euro per adulto e 15 euro per bambino (dai 3 agli 11 anni).


Per l’accesso giornaliero bisogna prendere l’
uscita 13 dell’autostrada A4 (attenzione seguire il cartello « visiteurs journée »).

 

 

 

 

La nostra opinione :

 

Questa prima visita di Villages Nature Parigi – seguita da una seconda « in incognito » tre settimane più tardi – è stata l’occasione per scoprire questa nuova destinazione turistica e cercarne pregi e difetti.

 

 

Village Nature Paris ha del potenziale ? E’ incontestabile. I temi sviluppati (rispetto dell’ambiente – qualità e igiene di vita – stile di vita e consumo più responsabile) sono, senza ombra di dubbio, di attualità , e molti dei visitatori potenziali ne sono sicuramente sensibili. 

 

 

Senza alcun dubbio, l’Aqualagon con i suoi scivoli, la sua piscina con le onde e la laguna riscaldata, farà la felicità dei turisti.

 

 

La Fattoria “Belle Vie” dovrebbe allo stesso modo rendere felici le famiglie e in particolare i più giovani, contenti di vedere gli animali , e di prendere parte alle diverse attività proposte. L’area giochi « Lait’s Play » dovrebbe anch’essa riscontrare un grande successo da parte dei bambini. I genitori dovrebbero essere interessati per il giardinaggio nell’orto e nella serra.

 

 

Gli sportivi potranno correre, andare in bicicletta o approfittare delle attività in supplemento : Aqua Cardio, Aqua Bike, Aquajump nell’Aqualagon, il campo di beach-volley sulla spiaggia …

 

 

I gourmet e gli amanti del cibo biologico troveranno un’offerta di ristorazione di alta qualità, con un rapporto qualità/prezzo ben superiore rispetto a quello proposto a Disneyland Parigi. Per le persone che vogliono cucinare c’è la possibilità di acquistare tutto il necessario a Franprix, supermercato molto spazioso e ben fornito.

 

 

La sera, l’escape room e il bowling dovrebbero offrire dei bei momenti di svago ai turisti.

 

 

Molte altre attività sono proposte, a pagamento, ai visitatori (come indicato sul sito ufficiale).

 

 

 

Purtroppo, Villages Nature Parigi non è – al momento – privo di difetti :

 

 

 

  • i Giardini Straordinari, che meritano molto probabilmente il loro nome in primavera, in estate, forse anche ad inizio autunno, sembrano molto « radi » per non dire senz’anima durante le due visite di metà novembre e inizio dicembre. A causa del freddo, le fontane sono state spente (perché non aver usato la fonte geotermica per evitare il gelo ?) Stessa constatazione per l’orto della Fattoria “Belle Vie”, la stagione invernale non è adatta al giardinaggio. L’area giochi della Foresta delle Leggende risulta molto umida dopo la pioggia e questo rischia di dissuadere i turisti dal frequentarla. Inoltre, ci rammarichiamo del fatto che tra tutte le attività a pagamento indicate nel sito internet ufficiale, poche di esse siano proposte attualmente.

 

 

  • Si può inoltre deplorare che l’idea della Fattoria “Belle Vie non sia stata approfondita ulteriormente. Perché non è possibile andare a cercare le uova nel pollaio e acquistarle? Non si potrebbe pensare ad un negozio di frutta e verdura dove i prodotti sarebbero venduti direttamente in un « orto » dove ciascuno potrebbe raccogliere direttamente da terra delle carote, dei porri, fragole e lamponi, pomodori coltivati biologicamente e acquistarli ? I turisti potrebbero approfittare in questo modo di frutta e verdura biologica, locale e di una freschezza ineguagliata (poiché ineguagliabile) … e il tutto a chilometri zero.

 

 

  • D’altra parte, ma questo non riguarda l’ingresso giornaliero, si deplora che non sia possibile trascorrere un week-end – arrivare il venerdì sera o il sabato mattina e ripartire la domenica – ad eccezione di qualche data in bassa stagione (inverno). Chi non vorrebbe venire a Villages Nature per un fine settimana invece di essere obbligato a prendersi sette giorni di ferie?

 

 

  • Perché non proporre l’ingresso gratuito – un equivalente di Disney Village – alla “Promenade du Lac” e alla sua area commerciale ? E’ impossibile oggi andare a mangiare al Villages Nature senza acquistare un ingresso giornaliero anche se solo per un pasto o per giocare a bowling (a pagamento) o per approfittare dell’escape room. Peccato anche perché possiamo supporre che ci sarebbero molte persone interessate per un fare colazione nella panetteria “Chez Meunier” o al “Délices De La Ferme”, o per un pranzo a “PUR, Etc.”», “Vapiano” o a “Cépages” … e che i ristoratori e i commercianti stessi sarebbero probabilmente interessati nel vedere aumentare la loro clientela.

 

 

  • Queste due ultime informazioni rivelano quello che ci sembra un errore di Villages Nature Parigi : la volontà di gestirlo come un Center Parcs (Villages Nature Parigi è propietà a parti uguali di Pierre et Vacances – Center Parcs e di Euro Disney). Villages Nature si trova in una zona altamente turistica a sei chilometri da Disneyland Parigi e a una trentina da Parigi città. Da una parte, i residenti potenziali che non resteranno quasi sicuramente 4 giorni interi in loco senza uscire ; d’altra parte, come affermato più in alto, l’attrattiva della zona commerciale (ristoranti, Nature et Découvertes, il bowling, l’escape room, i corsi di enologia …) è tale da interessare i turisti ma anche i locali.

    Ovviamente visti i prezzi di un soggiorno, perché restare quattro giorni se si vuole visitare anche Parigi o Disneyland, dal momento che ci sono una miriade d’hotel molto meno cari nelle vicinanze ? Inoltre, chi vorrebbe pagare il parcheggio o l’autobus + un biglietto d’ingresso solo per poter mangiare in un ristorante ? Ancora una volta, l’accesso alla “Promenade du Lac” dovrebbe essere libero… quale migliore vetrina per la destinazione ?

 

 

  • Ultima cosa che merita di essere detta : come immaginare una zona turistica senza souvenir, senza cartoline ? Niente di tutto ciò esiste oggi a Villages Nature. Niente souvenir, cartoline e francobolli…. cose indispensabili per una vacanza e soprattutto un apporto economico importante : il margine di profitto realizzato è generalmente buono.

 

 

 

Un giudizio severo ? No, visto che restiamo abbastanza ottimisti su Villages Nature Parigi. L’idea è originale, attuale, e serve una causa che interessa un numero sempre maggiore di persone, attenti al rispetto dell’ambiente, ad un consumo più rispettoso e ad una alimentazione più sana. 

 

 

Come in tutti i progetti di questo tipo, è stato necessario fare delle scelte prima dell’apertura, e l’esperienza mostra che certe sono da rivedere. Siamo convinti che, se dei cambiamenti saranno apportati, Villages Nature Parigi ha di fronte a se un futuro roseo. In ogni caso è quello che noi ci auguriamo. Una cosa è sicura: noi andremo regolarmente a Villages Nature per vedere l’evoluzione di questo « cuginetto » di Disneyland.

 

 

 

– Archibald Gripsou